Come Trasferirti e Trovare Offerte di Lavoro e Stage, Opportunità di Studio e Formazione all’Estero [Intervista ad Anita, di KIIVA International]

               1. Ciao Anita, un saluto dalla community di Lavora Con Noi Italia. Ci spieghi perché secondo te è importante fare un’esperienza di studio o lavoro all’estero?

Ciao a tutta la community e grazie mille per questa opportunità!

Sono davvero molto felice di poter spiegare ai giovani cosa significhi fare un’esperienza all’estero, perché sono certa che aiuti a crescere sotto molti punti di vista.

Vivere all’estero significa mettersi in gioco, uscire della propria zona di comfort per poter accelerare il processo di maturazione personale e professionale.

La quotidianità di una città cosmopolita ti porta, infatti, a confrontarti con mentalità, culture e modi di intendere lavoro e business che sono spesso molto differenti dai tuoi.

Tutto questo, abbandonati pregiudizi e consuetudini, ti consentirà di misurarti con un mondo globalizzato dove il rispetto per la diversità sarà motivo di unione, amicizia, crescita e condivisione.

Un’esperienza totalizzante in grado di restituirti una visione nuova del mondo, dei rapporti, del lavoro.

              2. Raccontaci brevemente il tuo percorso. Come mai hai deciso di andare all’estero per fare esperienza e in base a quali criteri hai scelto le tue destinazioni, studi e lavori?

Ho deciso che sarei andata all’estero all’età di 16 anni, spinta un po’ dalla curiosità e un po’ perché scoraggiata dalla situazione che si andava delineando in Italia.

Compiuti i 19 anni ho scelto quindi l’Inghilterra perché mi consentiva di imparare la lingua e di vivere a Londra, città di cui mi ero innamorata durante un viaggio qualche anno prima.

Quando sono arrivata non sapevo cosa mi avrebbe atteso e non avevo un’idea precisa di cosa volessi raggiungere: volevo solo stravolgere la mia vita e darmi un’opportunità.

Sono partita da un paesino di 2.000 abitanti con una conoscenza basilare della lingua e senza alcun contatto in loco. Per circa un anno ho lavorato come barista e cameriera in vari ristoranti mentre frequentavo una scuola di inglese tutte le mattine.

Tutto è cambiato con il tempo: ho conosciuto nuove persone e da li è nata l’idea di continuare gli studi universitari.

Grazie all’università e agli aiuti dello student finance ho potuto laurearmi e trascorrere 6 mesi in America alla San Francisco State University.

Ho trascorso 6 anni tra UK, USA e Spagna. Concluso il percorso di studio triennale in Relazioni Internazionali e Politica ho conseguito un Master al King’s College. Non sono mancate le opportunità di fare esperienze lavorative in giro per il mondo, tra cui il Parlamento Inglese, una ONG a San Francisco e alcune aziende tra Spagna e UK.

Una volta tornata in Italia, grazie alle esperienze acquisite, ho trovato subito lavoro come amministratrice dei fondi pensione NATO; successivamente ho avuto modo di occuparmi di microcredito. Nel Gennaio 2016 ho finalmente deciso di intraprendere la strada dell’imprenditoria ed ho avviato Kiiva International.

Le esperienze di lavoro e studio all’estero e la passione per il lavoro con i giovani sono la mia motivazione e fanno sì che possa utilizzare la mia esperienza al servizio dei ragazzi.

                    3. Come sei arrivata a creare il progetto di Kiiva International e a cosa serve esattamente? Quali sono le opportunità per studenti e neolaureati e per professionisti con esperienza?

Come raccontavo poco fa sono partita dal basso e tutto quello che ho fatto è frutto di opportunità che sono a disposizione di tutti giovani.

Per questo ho fondato Kiiva, per permettere a chiunque abbia un progetto di studio, lavoro o stage all’estero di concretizzarlo.

Offriamo servizi rivolti sia a ragazzi e studenti sia a professionisti, principalmente divisi in 2 categorie:

  • Studio e Stage all’Estero

Per gli studenti lo stage all’estero rappresenta un’occasione unica per crescere professionalmente, capire che strada percorrere nel proprio futuro, ma soprattutto testare il livello linguistico per 8 ore al giorno, molto meglio di un classico corso di lingua.

Inoltre, è importante per i giovani fare esperienze diverse, perché ormai il solo studio non basta più. La competizione diventa sempre più elevata e a parità di età i ragazzi di altri paesi sono spesso più preparati o hanno maturato skills da professionisti.

Per quanto riguarda opportunità di studio e stage all’estero.......... per saperne di più leggi: http://www.lavoraconnoi-italia.it/trasferirsi-estero-lavoro-studio/